La provincia di Palermo: Caccamo

0 28

Caccamo, in provincia di Palermo, è situata alle estreme pendici del monte San Calogero (Euràko) e sembra fondare le sue origini intorno al 480 a.C.) ad opera del tiranno Gelone. Il nome di questa cittadina in provincia di Palermo deriva da Càccabe, ovvero testa di cavallo, uno dei sedici appellativi dell’antica Cartagine, riprodotta nell’attuale stemma.

Da vedere a Caccamo

Duomo S. Giorgio: fondato secondo la tradizione dai Normanni nel 1090 e dedicato a San Giorgio Martire, fu ristrutturato nel XV secolo e ampliato nel 1614; custodisce opere di altissimo valore artistico, fra le quali: Fonte battesimale di Domenico Gagini e aiuti (1466); Ciborio eucaristico della Cappella del SS. Sacramento, di scuola gaginesca (sec. XV); olio su tavola di Simon de Wӧbreck (1582), raffigurante l’Incontro di Gesù con la Veronica; tele dei Cinque Sensi del fiammingo Jan Van Houbracken (sec. XVII); tela di Matthias Stomer (1641), raffigurante il Miracolo di S. Isidoro Agricola; trittico, tempera su tavola, con la Madonna e il Bambino tra i Santi Giorgio e Pietro (sec. XV); Croce dipinta su tavola (attr. Maestro di Galatina – sec. XV).

Chiesa delle Anime Sante del Purgatorio: si affaccia sulla Piazza Duomo insieme all’Oratorio della Compagnia del SS. Sacramento, con portale barocco, e al Palazzo ex-Monte di Prestanza (sec. XVII), risale alla prima metà del XVIII secolo.

Chiesa S. Maria degli Angeli: degno di nota è il soffitto ligneo a capriate della navata maggiore (1497), decorato con figure policrome raffiguranti santi domenicani.

Chiesa di San Rocco: da ammirare al suo interno: l’ altare maggiore in legno massiccio (seconda metà sec. XIX); la statua lignea di San Rocco (sec. XVI); la tela della Gloria di Maria tra angeli e i santi Chiara, Girolamo, Francesco e Lucia, attribuita al pittore Giuseppe Salerno, detto lo Zoppo di Gangi (sec. XVII); le tele della Sacra Famiglia e della Madonna col Bambino, attribuite a Padre Fedele da San Biagio Platani (sec. XVIII); le sculture in alabastro raffiguranti San Giorgio e San Nicasio (scultore trapanese – sec. XVII).

Da mangiare a Caccamo

Come tutta la provincia di Palermo, anche Caccamo offre bontà gastronomiche e prodotti tipici tra cui:

  • salsiccia;
  • ricotta;
  • formaggio al peperoncino, ai pistacchi, al pepe nero, alle noci;
  • buccellati,  taralli di Carnevale, sfinci;
  • olio d’oliva e vino locale

Potrebbe piacerti anche Altri di autore