Erice, la città cara a Venere in provincia di Trapani

0 112

Erice, antica città fenicia e greca, arroccata a 751 m di altezza sul monte Eryx, in provincia di Trapani, si caratterizza per le sue stradine acciottolate e i suoi varchi così stretti da permettere il passaggio di un solo uomo.

Nell’antichità, Erice era nota per il suo tempio dove i Greci adoravano Afrodite ed i Romani Venere. Il monte Eryx serviva da punto di riferimento per i navigatori che avevano Venere come protettrice.

Durante l’estate Erice è un paesino solare e luminoso che si affaccia sull’azzurro del mare, dando a turisti e visitatori la sensazione di trovarsi al centro del mondo. Non lontano da Erice è possibile trascorrere intere giornate nelle spiagge più belle di Trapani, tutte caratterizzate da mare cristallino e sabbia bianchissima.

Tra le cose da vedere ad Erice, sicuramente il Castello di Venere: arroccato sulla punta estrema del monte, era il tempio dedicato a Venere Ericina, dea particolarmente venerata nell’antichità. Il carattere difensivo del Castello di Venere è ancora testimoniato dal piombatoio sopra il portone d’ingresso con lo stemma di Carlo V di Spagna. Il belvedere di cui si gode dal castello è notevole: si riesce a vedere Trapani, le Egadi e, con condizioni di buona visibilità, anche l’isola di Ustica.

Altri siti interessanti ad Erice sono i cosiddetti Quartieri Spagnoli, delle costruzioni mai terminate che avrebbero dovuto ospitare una guarnigione di soldati spagnoli. Da qui si gode di un bel panorama sul golfo del Monte Cofano e sulla Tonnara di Bonagia. Secondo una leggenda, nelle notti di tempesta vi aleggia lo spirito del Capitano della guarnigione denominato “Birrittedda russa” che non trova pace per la morte violenta subita. Anche la piccola Chiesa di Sant’Orsola ad Erice, dove vengono conservati i gruppi scultorei dei Misteri (XVIII sec.), portati in processione il Venerdì santo, merita una visita: edificata neI 1413 conserva ancora l’originaria struttura gotica a volte a crociera costolonate

Potrebbe piacerti anche Altri di autore